Sexo

  • Donne Da Incontrare

    è castana chiara) sulle cosce sul seno e sulla pancia e un liquido bianco colava tra le cosce, diceva "sono una puttana vera ora scopami nella sua sborra!" le ho messo il cazzo dentro e sono subito uscito ero pieno dello sperma di Pino!! Gli aveva davvero sborrato dentro. Con il mio cazzo sporco pieno del suo sperma ho detto…..Sissi prendilo in bocca troia, lei mentre lo succhiava diceva "si è la sua sborra riconosco il gusto perché il porco mi ha anche sborrato nella bocca". Mi ha dato un bacio in bocca era ancora sporca e mi ha detto "Cornuto Pino mi ha fatto il pieno lho fatto venire dentro la mia figa, imbrogliandogli h che prendo la pillola visto che voleva uscire il suo cazzo sul più bello….gli ho detto di continuare di non fermarsi, mi ha allagato con la sua sborra, colava dalle gambe come non mai, era un fiume di sborra…..ora scopami chiamami pure puttana è quello che sono….Io da gran cornuto lho scopata come mai era successo in tanti anni, è stata una notte di sesso selvaggio gli sono venuto dentro anchio, lei mi diceva che Pino laveva scopata divinamente e sperava che Pino magari lavesse messa incinta..

  • Incontrisessuali

    Ora Sissi voleva che venivo dentro anchio,io lho fatto sborrandogli dentro come un cornuto…........ Una notte impossibile da dimenticare. VOLEVI LE CORNA? ECCOTI SERVITO!” DEDICATO AD UN CARO AMICO Finalmente sono riuscito a ritagliarmi una intera giornata di tempo libero.

  • Annunci Bakeca Torino

    Ti ho seguito e so dove abiti, mi hai detto che dopo il lavoro andrai in palestra. Mi presento a casa tua con… Read more ...Nonostante parlammo dell’esperienza dell’autogrill come una avventura da ripetere, la vacanza scorse via tranquilla fino agli ultimi giorni. Fino ad allora mi ero divertita a fare un po’ l’esibizionista in alcuni luoghi (albergo, spiaggia, strada)… Read more ...Di ritorno verso lalbergo: "allora, ti sono piaciuta?" dissi a mio marito Diego. Dai, non era quello che volevi?

  • Donna Cerca Amante

    Qualcosa non va?" "No, niente solo…." "Solo..cosa?" "Vedi cara, devo dire che mi ha fatto eccitare tantissimo, però dubito che r… Read more DAC A volte delle serate nate storte si trasformano in delle serate indimenticabili. La scorsa estate, inventata una visita ad un’inesistente parente, riuscimmo a liberarci degli amici del gruppo ed uscimmo… Read more -succhiami il cazzo- le dissi. à stata la birra che avevamo bevuto al pub,o il fatto di esserci rincontrati dopo chissà quanti anni,ma io ci stavo veramente bene appoggiato al tronco di unalbero nel retro del locale dove si sentivano ancora gli assoli di chitarra che la band suonava live. ù che ventenne,frequentavamo lo stesso corso di salsa;era sempre stata un mio pallino ma non avevo mai avuto loccasione giusta.

  • Incotri per sesso Palermo

    ò tutta la mia banana eretta,fece su e giù senza aiutarsi con le mani,poi morse la cappella,leccò tutta lasta e subito se lo infilò di nuovo in bocca -guardami mentre succhi-le dissi aprì gli occhi e mi fissò mentre con la testa scendeva sul cazzò;e subito quegli occhi da cerbiatta mi riportarono indietro nel tempo ai giorni in cui la guardavo durante il corso di ballo,mentre in coppia ballavamo una bachata,gli stessi occhi da bambina -brava-le sussurrai-sei sempre bellissima- mi guardava e si spingeva con tutto il busto sul cazzo,inarcai la schiena,le posai una mano dietro la nuca gli infilai il cazzo in gola. ò fuori dopo alcuni secondi,tossì mentre un rivolo di bava gli scorreva allangolo delle bocca -masturbami e guardami-le dissi. ì;sbirciai dietro lalbero e vidi alcune persone a forse metri da noi. ò,ora le alzai la maglietta e scopriì quella sua quarta abbondante nascosta nel reggiseno;ne tirai fuori una e giocai col capezzolo.

  • Siti D Incontro Torino

    ù ondeggiava quelle tettone mentre giocavamo a beach volley in spiaggia;facemmo il bagno e quei suoi capelli bagnati mentre usciva dallacqua mi procurarono un erezione che dovetti nascondere stando in acqua per molto tempo,quando poi mi chiese di farle fare un tuffo salendo sulle mie spalle mi appoggiò quelle due bombe in testa. ì voglio chiavarti- la feci girare,le tirai giù i jeans,vidi finalmente quelle chiappe rosa che avevo sempre immaginato nelle innumerevoli seghe che mi ero tirato pensandola -che culo,Tonia- avevo voglia di prenderglielo a morsi quel sederone,ma non era il momento di andare per le lunghe;appoggiò le mani al tronco dellalbero,mi piazzai dietro di lei,cercai con le dita la sua figa:era umida;penetrai con le mani la sua fregna,giocherellai un pò,poi tirai fuori la mano e lannusai.sentiì lodore della sua fessa e spalmai i suoi umori sulla mia cappella;entrai piano,lei diede un piccolo urlo,io le misi entrambe le mani sulla bocca e iniziai a fotterla con forza,la sentivo mugugnare sotto le mie mani -sssssssshh...stai buona,non urlare-le dissi finalmente la possedevo,erano anni che sognavo che volevo cavalcare quella bella puledra;le lasciai la bocca e misi le mani sui fianchi e la spinsi verso il mio cazzo,i suoi capelli ricci si sparpagliarono su tutta la schiena -oh si..così..-le sentìì dire quasi in un sussurro aumentai il ritmo dei colpi mentre ora presi il seno tra le mani -Tonia ti fotto tutta...- la feci mettere in posizione eretta e la scopai così strizzandole le tette e leccandole le orecchie -ti ho sempre desiderata-le sussurrai non rispose.come ho detto non sapevo ancora perchè quella sera lei avesse voluto scopare con me.ci eravamo incontrati per caso e dopo aver bevuto parecchio eravamo usciti per fumare una sigaretta. è non me lhai mai detto?-aveva risposto -non sò,non credevo che avrei potuto interessarti- -bisogna arrivare al momento giusto-mi rispose dieci minuti si trovava inginocchiata davanti al mio cazzo. OH TONIAAAAA....-ululai tirai fuori il cazzo e sborrai sul terreno,feci un laghetto bianco,svuotai completamente le palle,mentre lei appoggiò la testa al tronco.

  • Annuci Per Adulti

    ù grandi desideri-le risposi. Verdone..Famolo strano? ò e poi ti farò sapere.... DOMANI NE ARRIVA UNALTRA.MOLTO STRANA sempre belle ed eccitanti storie grazie Ed eccoci qui con un nuovo capitolo.

  • Annunci Erotici Firenze

    Tornato a casa dopo quel fantastico trattamento, non aspettavo altro che arrivasse il giorno dopo per vedere cosa Pamela avesse in serbo per me. La notte riuscì a malapena a dormire, non riuscivo a smettere di pen… Read more ………Così entrammo in camera da letto…….mentre mi spogliavo la guardavo: passati I cinquant’anni era ancora una gran bella vacca……..tette enormi, un culo sodo e bello grosso e anche il resto non era niente male.Almeno ai miei occhi……ridendo mi tirò ver… Read more Maria (così la chiamerò) è la classica brava ragazza, ha un gran fisico ma non lo valorizza. Per farvi capire ha una a abbondante, circa . Una tettona non grassa molto invitante eppure non mette mai scollature.

  • Incotri Per Adulti Milano

    Per un periodo la mia Maria ha lavoro presso uno studio dentistico come segretaria. Non un lavoro complicato, le solite cose; telefonate, appuntamenti, prenotazioni. Insomma la routine di uno studio con gente che va e viene. Fine Giugno, un venerdì p… Read more Credo che tutto abbia avuto inizio con quelle foto.

  • Annunci Donne Single

    Giacomo, il mio migliore amico, le aveva portate con sé un pomeriggio. Si era arrampicato sul pergolato fino alla mia stanza e mi trovò intento a smistare alcune delle mie vecchie cose. Cercavo di decidere cosa tenere o buttare via perché mio padre sosteneva che avessi troppi suppellettili in camera. Era una di quelle giornate afose del sud, c’erano più di trenta gradi e il sudore era una costante.

  • Siti D Incontro Milano

    Completamente fradicio, me ne stavo seduto sul pavimento a gambe incrociate con indosso solo un paio di pantaloncini e lo stolone che aveva lasciato mio padre pieno a metĂ . Avevo appena compiuto sedici anni, ero alto giusto un metro e settanta, con i capelli biondi e gli occhi azzurri e di costituzione magra. Non avevo un pelo sul corpo, a parte un velo sopra il cazzo, e andavo segretamente fiero del mio culo, liscio e rotondo, che sembrava piacesse davvero schiaffeggiare ai miei due fratelli piĂą grandi. Vivevo con mio padre e i miei due fratelli maggiori, Matteo e Luigi.

  • Donna Cerca Uomo Perugia

    Matteo, ero quello di mezzo, diciotto anni, al penultimo anno delle superiori. Non faceva sport eppure aveva il corpo di un atleta. Luigi, il piĂą grande, aveva compiuto da poco diciannove anni, fresco di diploma. Lui era lo sportivo della famiglia, calcio, nuoto e corsa, aveva trofei per ognuno.

  • Donna Cerca Uomo Padova

    Non voleva andare all’università, quindi si era trovato lavoro come magazziniere. Progettava di prendere una qualifica professionale, ma non aveva ancora iniziato i corsi. Luigi era alto più di un metro e novanta, proprio come nostro padre; era biondo, come me e la mamma e tutti gli sport che praticava gli avevano forgiato un corpo spettacolare. Ogni ragazza della città sembrava corrergli dietro.

  • Cerca Uomini

    Matteo, invece, era stato il più fortunato, almeno dal mio punto di vista. Aveva i capelli corvini e il petto ricoperto di pelo scuro come nostro padre. Infatti, in un certo senso, erano praticamente identici, solo che Matteo stava ancora crescendo. Ogni tanto mi era capitato di sbirciare nostro padre nudo, dunque sapevo che era particolarmente dotato e così era per Matteo.

  • Incontrisesso

    Erano entrambi muscolosi, con il ventre piatto e le cosce possenti che tendevano la stoffa dei pantaloncini. E dal rigonfiamento e le fugaci occhiate che avevo dato al suo cazzo, sapevo che era messo bene quanto nostro padre. Un vero stallone. Lui non era appassionato di sport, ma di auto.

1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 |